Cibofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata del cibo o di mangiare.

I alcuni casi, l’avversione a mangiare è conseguenza di disturbi previi e di dolori gastrici. vale a dire, come il malato ha sperimentato nausee, dolore addominale o vomiti dopo l’ingestione di cibi in reiterate occasioni, respinge il cibo. L’inadeguata alimentazione conseguente implica alla perdita di peso. E’ un sintomo che può trovarsi sia in malattie psichiatriche come essere conseguenza di diverse patologie organiche. La si mette in relazione con disordini alimentari quali l’anoressia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*