Cinofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei cani o della rabbia che questi potrebbero trasmettere.
Molte persone sviluppano timore verso i cani. Il fatto che si tratti di animali da presa addomesticati e il numero crescente di casi di attacchi canini riportati dai mezzi di comunicazione possono far crescere questa paura. Uno studio del 1992 sulla paura dei cani in bambini e adulti dimostrò che gli attacchi reali da parte di cani non differenziano che la persona aggredita abbia o no paura di questi animali. Al contrario, esposizioni premature e inoffensive ai cani di solito prevengono la comparsa della cinofobia. I bambini piccoli sono più suscettibili ad acquisire paura dei cani semplicemente perché ci sono più cose che li spaventano: i cani fanno rumore e movimenti bruschi che possono spaventare molti bambini. I psicologi pediatrici spiegano che un’esposizione graduale ai cani può prevenire l’insorgere di paura irrazionale dei cani allo stesso tempo che è bene insegnare una salutare all’erta al pericolo potenziale da animali sconosciuti.
Molta gente amante dei cani sente che la fobia a questi animali è “ridicola”, ma di fatto è abbastanza comune. In molti casi non c’è stato un evento scatenante, ma il timore si è sviluppato per una serie di motivi che vanno dal fomento sociale fino alla semplice ignoranza. La paura può dirigersi verso tutti i cani o solo verso una certa razza, colore o misura.
In molte occasioni la famiglia della persona con la fobia tende a esacerbare, poiché la fobia può essere una forma di chiamare l’attenzione. Una volta che la fobia di qualcuno non guadagna l’attenzione voluta, tende a sparire. Ignorare la fobia del nostro caro molte volte è la forma migliore di aver a che fare con essa. Per ciò, non è bene evitare di incontrare cani mentre si è in compagnia del fobico perché in questo modo mai imparerà a fargli fronte.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*