Entomofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli insetti.
E’ una fobia molto comune e possibilmente si tratta della più estesa fobia verso gli animali. Tra le paure degli insetti in genere si trovano fobie più specifiche, come l’aracnofobia (paura dei ragni) o l’apifobia (paura delle api). Le reazioni di coloro che patiscono questa fobia con frequenza sembrano irrazionali ad altre persone, e persino a loro stessi perchè si rendono conto che gli insetti non costituiscono una minaccia reale. Con frequenza saranno visti pulendo casa, gli armadi e i tappeti, scopando i corridoi, spruzzando insetticida per uccidere insetti, sigillando porte e finestre. Cercano ad ogni costo di mantenersi lontano dai luoghi in cui credono possano esserci insetti. Se ne vedono uno da lontano è possibile che non riescano ad entrare in quella zona pur spaziosa che sia, o almeno non senza uno sforzo previo per controllare il loro panico, caratterizzato da sudorazione eccessiva, respiro agitato, tachicardia e nausee. L’entomofobia può arrivare a determinare il luogo di residenza del fobico, o il posto in cui andrà in vacanza, nonché limitare le sue attività nel tempo libero, quali sport e passatempi.
Come molte altre fobie, l’entomofobia può essere trattata con una terapia psicologica. Sono normali i metodi di esposizione graduale, ma si sono proposti anche sistemi di shock in cui l’esposizione e intensa e repemtina.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*