Ereutrofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di arrossire.
Ancor quando non si tratta di una delle fobie più riconosciute nella nostra società, è abbastanza comune tra gente che presenta tendenza ad arrossire, così come tra chi è particolarmente sensibile alle percezioni e giudizi altrui, e di solito arrossisce in qualsiasi momento di una situazione in cui si senta osservato o valutato.
L’arrossamento eccessivo è una reazione fisica scatenata come risposta a pensieri emotivi associati alle preoccupazioni in eccesso dalle reazioni altrui. Non solo queste persone arrossiscono come risposta a situazioni in cui altri possono giudicarli, si preoccupano anche per quello che loro sembrano dinanzi altri. Sviluppare una preoccupazione eccessiva porta all’ereutrofobia. Queste persone hanno paura di come si vedono davanti ad altri che arrossiscono. Si preoccupano del fatto di essere o no arrossati e di come si vede la loro pelle. Questa fobia non solo è irrazionale, ma è anche una profezia autocompiuta: la preoccupazione sulla loro parvenza può risultare in un incremento dell’arrossamento. Questo può essere un circolo vizioso per molti fobici, tanto più temono di arrossire tanto più arrossiscono.
Per persone che non hanno mai patito questo problema, l’ereutrofobia può sembrare stupida e molto difficille da comprendere. Tuttavia, non è motivo di derisione. Per quelli che soffrono questa fobia si tratta di una preoccupazione seria e reale. La tendenza ad arrossire in eccesso, combinata a una paura irrazionale scatena maggior arrossimento, può affliggere tutti le componenti della vita quotidiana.
È comune che la gente con ereutrofobia sviluppi fobie sociali addizionali a misura che cercano il modo di evitare di arrossire. E’ molto probabile che sperimentino sensi di irrequietezza e si allontanino da situazioni che richiedono l’interazione umana a ogni livello. Con frequenza finiscono in depressione.
Nella misura in cui si prende coscienza del problema, il pubblico in genere diventerà sicuramente più comprensivo per la seria natura di questo problema. In questo modo, coloro che ne soffrono potranno sentire meno timidezza per il loro disordine.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*