Onirofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di sognare o dei sogni. E’ conosciuta anche come oneirofobia.

Un termine coniato con certa incuranza per “Paura dei sogni o di sognare”, ebbe origine prima nel libro “The dream frontier”, scritto da Mark Blechner, un neuro-psicoanalista nell’Istituto William Alanson White. Questo termine neologistico non è stato accettato ufficialmente dalla comunità scientifica per descrivere una paura persistente ai sogni, ma lo si usa informalmente. Fino a un certo punto, le persone con onirofobia possono avere paura di dormire o di ricordare i suioi sogni perché non vogliono che nulla gli ricordi o li esponga le parti più intime della sua vita che i sogni normalmente rappresentano.
L’onirofobia puo essere superata tramite analisi reiterato dei propri sogni, usando diverse procedure. Un avvicinamento appropriato suggerito da Blechner è quello di dare il testo del tuo sogno a un amico, chiedergli di scrivere tutti i suoi pensieri sul tuo sogno e che poi te lo ridia. Molti di questi inizialmente possono fare impressione sul sognatore, ma in modo graduale, a misura che il tempo passi. Il sognatore può integrare quegli aspetti del sogno che gli risultano più difficili da incorporare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*