Pediofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata delle bambole.

Questa fobia è molto comune trai bambini piccoli, ma in alcuni casi persiste fino all’età adulta. Nel caso dei piccoli, molte volte si spaventano quando vedono i loro personaggi televisivi favoriti in dimensioni reali, cioè, quando sono impersonati con costumi Mickey Mouse, Barney il dinosauro o i Teletubbie. Questa fobia può relazionarsi con la coulrofobia (paura dei pagliacci). La reazione dei piccoli è molto chiara, piangono dinanzi ai movimenti bruschi di questa creatura enorme (più grande dei loro genitori) Non ci si deve preoccupare, perché queste paure sono il riflesso di una leggera immaturità emotiva. È importante non forzare il bambino ad affrontare queste paure, ma lasciare che tutto passi e queste spariranno.
In una percentuale minore di situazioni le bambole piccole possono causare anche pediofobia, al di là del fatto che siano fatte a misura di bambino e disegnate perché questi giochino con loro. Una bambola forse può avere un’espressione che causi paura solo a vederla, oppure che il piccolo si spaventi quando una di queste bambole pianga all’improvviso e poi il bambino non voglia toccarla più.
Vi sono adulti che dopo un incidente di questi tipo nell’infanzia, temono ancora determiante bambole, come quelle in porcellana, che hanno un’espressione molto reale. Alcuni sostengono che da bambini erano convinti che le loro bambola prendessero a vivere e muoversi da sé mentre loro dormivano, e sebbene da adulti capiscono che i loro timori sono irrazionali non possono metterli da parte facilmente.
Questa fobia suole trattare con mezzi di esposizione graduale, usando una serie di bambole fino ad arrivare a quelle che impauriscono il paziente. Alla fine del trattamento è possibile che il paziente perda la paura al punto di poter portarsi una di queste figure a casa e giocare con essa senza inconvenienti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*