Scotofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dell’oscurità.
La paura dell’oscurità è molto comune da piccoli e in alcuni casi, variando il grado, lo si può osservare negli adulti. Altri nomi per questa fobia sono achluofobia, ligofobia, mictofobia e nictofobia.
La paura dell’oscurità è incrementata dall’immaginazione: un pupazzo di pezza può sembrare un mostro nell’oscurità. Gli incubi contribuiscono anche a questa fobia: dopo essersi svegliati dall’incubo il bambino può rifiutare di riaddormentarsi senza lasciare le luci accese. La paura dell’oscurità è una fase dello sviliuppo del bambino. Molti osservatori dicono che questa paura non suole apparire prima dell’età di due anni. La paura dell’oscurità non è la paura all’assenza di luce, bensì dei pericoli possibili o immaginari che nasconde l’oscurità. Alcuni ricercatori, iniziando da Sigmund Freud, considerano la paura dell’oscurità come una manifestazione dell’ansietà di separazione.
In 1960 un gruppo di scienziati portò a termine un esperimento per scoprire le molecole responsabili della memoria. In un esperimento, topi normalmente animali nottambuli, furono condizionati per temere l’oscurità e una sostanza chiamata scotofina fu apparentemente responsabile di ricordare questo, perché la si estrasse dal cervello di questi topi. Più avanti, questi risultati furono screditati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*