Fotofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata della luce.
Nella maggior parte dei casi in cui si usa questo termine, non si fa riferimento a una fobia propriamente detta, ma alla molestia oculare prodotta dalla luce. Si tratta di un sintomo molto comune che si produce persino in persone che non patiscono di un disordine degli occhi. Tuttavia, nei casi estremi, può esser associata a problemi degli occhi e produrre dolore intenso persino con una luce bassa. Alcune cause comuni che possono produrre fotofobia sono l’uso eccessivo di lenti a contatto o lenti a contatto mal collocate, una malattia, una lesione o infezione oculare (come chalazion , episclerite e glaucoma ), bruciature degli occhi, emicrania, meningite, inflammazioni dentro l’occhio, abrasioni della cornea o ulcera della cornea, droghe come anfetamine, atropina, cocaína, ciclopentolato, idoxiuridina, fenilefrina, scopolamina, trifluridina, tropicamida e vidarabina, oppure essere stato sottoposto a un esame oculare durante il quale si sono stati dilatati gli occhi. Non suole rivestire gran importanza, poiché di solito viene alleviata usando lenti oscure.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*